Home/News/Susanna Esposito presidente della “SIMEUP” Umbria

Susanna Esposito presidente della “SIMEUP” Umbria

La Professoressa Susanna Esposito è la nuova Presidente della SIMEUP Umbria (Società Italiana di Medicina di Emergenza-Urgenza Pediatrica). La SIMEUP Umbria coordina l’attività di organizzazione e formazione sull’emergenza-urgenza pediatrica della Regione.

La Prof.ssa Esposito succede alla Dott.ssa Beatrice Messini, dell’Azienda Ospedaliera di Foligno. La nomina è avvenuta venerdì in occasione dell’Assemblea dei pediatri umbri. Susanna Esposito (leggi la biografia di Susanna Esposito per maggiori informazioni sulla sua carriera ed i suoi riconoscimenti) ha illustrato il programma che intende sviluppare, insieme al Consiglio Direttivo che è composto da rappresentanti di tutti i presidi ospedalieri della Regione.

Questi i loro nomi: Beatrice Messini (vicepresidente), Edoardo Farinelli, Mauro Lupidi, Elena Neri, Pietro Scappi, Ilenia Petrini, Gianni di Stefano, Cristina Solinas e Anna Chiara Righi in rappresentanza degli infermieri.

 

Susanna Esposito sulla nomina di Presidente SIMEUP Umbria

“Questa nomina è per me gratificante – dice la Prof.ssa Esposito – Mi impegnerò a sviluppare una rete di professionisti della quale faranno parte rappresentanti delle diverse discipline. Proprio per questo si è ritenuto di includere un infermiere nel Consiglio Direttivo. L’obiettivo principale è quello di accrescere le capacità di assistere il bambino con gravi problemi acuti in atto (es. sepsi, shock anafilattico, convulsioni prolungate, inalazione di corpi estranei) attraverso un approccio multidisciplinare e un lavoro in team sviluppato con corsi di simulazione attraverso l’uso di manichini interattivi”.

In Umbria nel 2017 si sono registrati oltre 700 interventi di emergenza in età pediatrica, di cui più di 50 hanno rappresentato particolare criticità (codice rosso).

“L’entità del fenomeno ci obbliga – aggiunge la Prof.ssa Esposito – a svolgere attività di formazione anche per famiglie, insegnanti ed educatori, così da prevenire una parte delle situazioni più gravi”.