UNIPR On Air: Susanna Esposito intervista il Presidente di Save The Children Claudio Tesauro

Nell’appuntamento del 25 febbraio di UNIPR On Air, rubrica di interviste pubblicata sul canale YouTube dell’Università di Parma, la Professoressa e infettivologa Susanna Esposito ha dialogato insieme a Claudio Tesauro, Presidente di Save The Children. Al centro dell’intervista il tema “Sconfiggere la povertà”.
Un milione è il numero di bambini che si stima sia rimasto indietro a livello educativo e scolastico. “È davvero così?”, chiede Susanna Esposito all’ospite di UNIPR On Air: “L’impatto della crisi sociale, che ora non avvertiamo grazie alle soluzioni di welfare adottate, rischia di essere devastante”, spiega Claudio Tesauro, “già a maggio scorso stimavamo che oltre un milione di minori in più avrebbe potuto trovarsi in condizioni di povertà assoluta entro la fine dell’anno, in conseguenza delle privazioni sociali ed economiche dovute alla crisi sanitaria”. Uno scenario di grave situazione socio-economica è dunque quello vissuto da molti bambini e adolescenti, una condizione resa ancora più difficile dalla crisi sanitaria che da un anno imperversa in tutto il mondo. “L’emergenza dovuta alla diffusione del virus ha sorpreso un Paese che con fatica cercava di uscire dalla crisi economica del 2008”, prosegue il Presidente di Save The Children: “A quella sanitaria è seguita una crisi sociale senza precedenti, a cui si aggiunge una crisi educativa e culturale che rischia di avere gravi conseguenze sul lungo periodo”. Il rischio concreto, avverte, è che nel prossimo futuro cresca di molto il numero dei bambini “che vivono nell’assoluta indisponibilità di un reddito minimo per affrontare la vita quotidiana”.
Come evidenziato dalla Professoressa Susanna Esposito, a queste difficoltà di per sé già gravi si è aggiunta inoltre la questione dell’alfabetizzazione digitale che, anche alla luce delle necessità di didattica a distanza, in certi casi ha colto impreparati sia insegnanti che alunni. Risulta fondamentale quindi assicurare “il rafforzamento delle competenze digitali di studenti e docenti, con un’offerta educativa di qualità dentro e fuori la scuola”, è il commento di Claudio Tesauro, che sottolinea altresì l’importanza di garantire “un’offerta equamente accessibile e capace di attrarre anche gli studenti meno motivati e che partono da condizioni di maggior svantaggio socio-economico”. La crisi sociale ed educativa, prosegue, ha tra i suoi maggiori effetti “quello di un concreto balzo in avanti della dispersione scolastica”: secondo un recente studio commissionato a Ipsos, infatti, “un terzo degli studenti ha dichiarato che dall’inizio della pandemia almeno un loro compagno di classe sarebbe stato assente dalle lezioni. L’aumento della dispersione scolastica colpisce un Paese dove già prima dello scoppio della crisi sanitaria il livello di dispersione era già ben più alto della soglia del 10% indicata dall’Unione Europea”.
Il dibattito condotto da Susanna Esposito per UNIPR On Air ha poi affrontato un altro tema connesso alle difficoltà sociali e alla povertà, sia di tipo economico che educativo: la questione delle periferie. Su queste, ha spiegato Claudio Tesauro, Save The Children è impegnata dall’inizio della pandemia per sviluppare progetti di sostegno scolastico, oltre che attività culturali e sportive, in particolar modo nelle aree maggiormente prive di servizi. “Le periferie sono i luoghi dove si realizza la segregazione educativa, dove i bambini vivono in circuiti chiusi e dove viene mortificata la loro crescita e i loro sogni”, sottolinea, “è nei luoghi più deprivati che dobbiamo intervenire, per aiutare ragazzi e ragazze nella loro crescita, a metterli in condizione di sperimentare cose nuove e mettere le ali ai loro talenti”.

Per visualizzare l’intervista completa:
https://www.youtube.com/watch?v=4PNoVrgmcdA&ab_channel=Universit%C3%A0diParma-canaleufficiale-