Vaccini: obbligo anche ai bambini con diabete

Secondo i dati del Ministero della Salute, in Italia sono circa 20 mila i bambini affetti dal diabete. Un numero in costante aumento, a causa principalmente della diffusione di condizioni a rischio come sovrappeso e obesità, scorretta alimentazione, sedentarietà e disuguaglianze economiche.
“Tutte le vaccinazioni considerate obbligatorie per l’ingresso a scuola nei bambini senza patologie di base devono essere eseguite anche nei bambini con diabete”: ad affermarlo Susanna Esposito, Professore Ordinario di Pediatria all’Università degli Studi di Perugia e Presidente Waidid, l’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici, in occasione dell’incontro “L’assistenza al bambino con diabete in età evolutiva”, che si è svolto lo scorso 25 Giugno a Perugia e promosso dall’Accademia delle Scienze dell’Umbria.

“Il diabete è una patologia complessa che investe il bambino, i suoi genitori e gli operatori sanitari che li assistono. Ciascuno di loro ha un compito difficile da assolvere. Allo studio nuove terapie per la cura del diabete di tipo 1, ma è importante l’educazione alla gestione autonoma del diabete da parte delle famiglie, per garantire una buona qualità di vita. Anche per i bambini con diabete, la prevenzione con vaccinazioni è importante”, spiega la Prof.ssa Susanna Esposito, che aggiunge: “Alcune infezioni favoriscono lo sviluppo di diabete di tipo 1 nei soggetti geneticamente predisposti. Ciò vale soprattutto per le infezioni respiratorie contratte precocemente. I vaccini sono efficaci anche nei bambini con diabete. Non solo efficaci, i vaccini sono anche sicuri e non associati allo sviluppo del diabete. E’
raccomandato il vaccino antinfluenzale annuale e il vaccino coniugato contro lo pneumococco anche dopo i 5 anni di età”.

Un obbligo necessario, dunque, utile anche ad evitare discriminazioni: “E’ un momento di allarme nel nostro Paese, i dati reali ci dicono che in Italia le coperture vaccinali scendono di oltre un punto l’anno. L’obbligo riduce le diversità, evita la discriminazione e permette uno scarico di responsabilità dalle spalle dei genitori che non sempre hanno informazioni chiare”, dichiara Susanna Esposito, che commentando l’approvazione del decreto sull’obbligo dei vaccini conclude: “Oltre a questo bisogna lavorare fortemente sulla comunicazione, per coinvolgere la popolazione in un processo che faccia capire l’importanza di tale procedura”.

 

Per ulteriori notizie sul tema è possibile visitare la pagina Susanna Esposito – Articoli e Approfondimenti sui Vaccini.